fbpx

Vimago HU16 Pico

Imaginalis, con le macchine serie HU e GT-30 raggiunge il più alto livello di evoluzione della tecnologia Flat Panel CT, superando il confine dell’imaging dedicato ai soli tessuti duri che da sempre si associa a tali prodotti.

Le macchine della serie HU presentano un FOV massimo di acquisizione di 27 cm di larghezza ed il recente sistema di conversione A/D (analogico-digitale) a 16 bit migliora drasticamente la qualità delle immagini, rendendole meno “artefatte” e più contrastate. I tempi di scansione per singolo stack (12 cm di lunghezza lungo l’asse Z) sono compresi tra 10 e 27 secondi,  con la possibilità di lavorare fino ad un massimo di 9 stack in acquisizione seriale.

La serie GT-30 nasce invece con l’idea di avvicinare il più possibile l’imaging Flat panel CT alle tradizionali macchine TC multistrato, utilizzando un FOV di 30 cm e filtri fisici che permettono di ridurre la componente artefattuale,  migliorando drasticamente la valutazione dei tessuti molli.  I tempi di acquisizione per singolo stack rimangono compresi tra 10 e 27 secondi, ma l’acquisizione lungo l’asse Z aumenta a 15 cm con la possibilità di arrivare ad un massimo di 7 stack in serie.

Entrambe le tipologie di macchine permettono di acquisire immagini con una elevatissima risoluzione spaziale, che risulta compresa tra 0.09 e 0.6 mm nella serie HU e tra 0.1 e 0.6 mm nelle GT-30. Per fare un confronto “azzardato” basti pensare che una tradizionale macchina TC 16 strati lavora mediamente con una risoluzione spaziale (le classiche “fette” ) compresa tra 0.6 e 1.2 mm.

In sostanza entrambe le macchine forniscono un imaging diagnostico e di qualità sia per quanto riguarda la componente ossea, sia per quanto riguarda i tessuti molli,  risultando quindi estremamente versatili.  Si consiglia in particolare la serie HU per chi lavora incentrandosi principalmente su patologie del tessuto osseo, ad esempio di natura dentaria o ortopedica, oppure per chi opera ogni giorno su pazienti di piccole dimensioni (ad esempio con animali “non convenzionali” come conigli, roditori ecc ecc),  permettendo comunque di avere immagini diagnostiche anche per il parenchima polmonare e gran parte dei tessuti molli.

La GT-30 è invece rivolta prevalentemente a chi necessità di valutazioni più ad ampio respiro variando dal paziente ortopedico a quello oncologico, passando per lo studio di patologie vascolari, spaziando dal coniglio al cane di grossa mole.

Case Study Vimago HU16 Pico

Caso 1

Cane meticcio maschio 13 anni, paraparesi deambulatoria cronica

Caso 2

Cane Carlino maschio 5 anni, dispnea

Caso 3

Cane Meticcio maschio 11 anni, tumefazione regione mandibolare, algia alla palpazione

Caso 4

Cane Maltese femmina 9 anni, sarcoma regione interscapolare

Caso 5

Cane, Carlino, femmina , 5 anni, sospetto sialocele mandibolare bilaterale

Cane Carlino femmina 5 anni, sospetto sialocele mandibolare bilaterale

Un ringraziamento speciale ai nostri clienti per le immagini

Clinica veterinaria Feltrina, Feltre (BL)

Clinica veterinara VET-CTO, Cetraro (CS)

Clinica veterinaria Timavo, Monfalcone (GO)

Centro veterinario CTO, Vigevano (PV)

Clinica veterinaria Feltrina, Feltre (BL)

Clinica veterinara VET-CTO, Cetraro (CS)

Clinica veterinaria Timavo, Monfalcone (GO) –

Per ricevere informazioni aggiuntive contattaci